L’Argine, 6 maggio 1950

[sul Concerto di Amleto Fabbri e Mario Guagliumi, Ravenna, 4 maggio 1950]

Giovedì sera, al Casino Alighieri, i due concittadini M° Amleto Fabbri e M° Mario Guagliumi hanno tenuto un interessantissimo concerto eseguendo brani per violoncello e piano di Leo, Beethoven, Saint-Saëns, Maioli e Rachmaninov. Ottima esecuzione per stile, affiatamento e calore.

Assai ammirato il breve Intermezzo di Nino Maioli, direttore del nostro Istituto Verdi, che sa fondere con mirabile equilibrio le esigenze di uno scrivere moderno con la signorilità quasi classica delle linee.

Il pubblico ha applaudito calorosamente.

La Voce di Romagna, 24 giugno 1950

[sul Concerto con Maria Giovanna Maioli Loperfido, Ravenna, 21 giugno 1950]

Lietissima cronaca al concerto Maioli Loperfido, che ha degnamente concluso la stagione di concerti degli Amici della Musica […] Accompagnatore splendido il M° Maioli, che ha condiviso gli applausi con la cantatrice, specie per la sua bella e persuasiva romanza Convegno […]