Dagli anni Trenta del Novecento
la riscoperta di un musicista italiano
Il Tempio sotto le stelle

NOTTURNO SINFONICO A GALLA PLACIDIA

Il Tempio sotto le stelle, composto da Nino Maioli nel 1932 e dedicato al mausoleo ravennate di Galla Placidia.
Una straordinaria esecuzione realizzata interamente con strumenti virtuali e sound library digitali dal M° Giancarlo Di Maria per ricreare la magia di un’orchestra sinfonica in una sala da concerto.
Una formula all’avanguardia per ridare vita, quasi un secolo dopo, alle visioni sonore di un musicista fra tradizione e innovazione.
Scopri di più ›
  • Nomino alla fine Nino Maioli, che io considero veramente musicista dotato di genialità e fra i nostri migliori viventi.–Francesco Balilla Pratella, marzo 1942

  • Ottimo nella direzione d’orchestra, accompagnatore efficacissimo al pianoforte, Nino Maioli si fece subito notare nell’ambiente musicale bolognese per la originalità delle sue composizioni. Nel suo poema sinfonico Il Tempio sotto le stelle tali doti stupirono anche il famoso compositore polacco Karol Szymanowski, che trovandosi presente alle prove d’orchestra ebbe a dichiararmi che ben volentieri avrebbe posto la sua firma nel lavoro di Maioli.–M° Guido Spagnoli, marzo 1951

  • Il Tempio sotto le stelle appartiene al genere pienamente romantico del poema sinfonico, si ispira a uno squisito descrittivismo impressionistico e simbolistico insieme, infine allude ad aristocratiche e rarefatte atmosfere antiche, classiche, forse meglio arcaiche.–Piero Mioli